Storia della letteratura per l'infanzia: tesina

Appunto inviato da silviaraho93 Voto 7

Tesina sulla letteratura infantile trattando opere di Barrie, Fratelli Grimm e Pascoli (10 pagine formato docx)

STORIA DELLA LETTERATURA PER L'INFANZIA: TESINA

La letteratura infantile. Introduzione:
     Motivazione della scelta
     Autori trattati
     Origini della letteratura infantili
     Differenze tra Fiaba e Favola
Inglese:
     James Matthew Barrie e “Peter Pan”
     Evoluzione e cambiamenti dell’opera
     Caratteristiche
     Personaggi principali
Italiano: Pascoli e “Il fanciullino”
     Confronto “Peter Pan” e “il fanciullino”
     La poetica pascoliana
Tedesco: I fratelli Grimm
     Caratteristiche dei loro racconti
     Fiabe e favole principali
Storia: “La propaganda di Mussolini nella letteratura infantile e nei puzzles psicologici”.

Letteratura per l'infanzia: quando nasce e perchè

LETTERATURA DELL'INFANZIA: ORIGINI

Introduzione
Quando si parla di letteratura,di qualsiasi genere e origine, vengono tralasciati autori come,James Matthew Barrie o i fratelli Grimm, famosi per i loro racconti dedicati ad un pubblico molto giovane.
Ho deciso di dedicarmi a questo argomento un po’ insolito, perché spero di dedicare il mio futuro ai bambini, studiando , il loro mondo o ,meglio, il loro sguardo sul mondo.
 Le fiabe e le favole non sono utili solo per intrattenere o far addormentare i bambini ma nascondono un significato molto più profondo. Quando la televisione non c’era, quando i videogiochi non occupavano il ruolo preponderante che hanno oggi nella vita dei bambini, una consuetudine per i più piccoli era quella di ascoltare i racconti dei nonni che attingevano al repertorio delle favole o inventavano con la loro fantasia storie, che diventavano interminabili, poiché non veniva svelato subito il finale.
Le fiabe e le favole esprimono le paure, i sogni, le speranze e le esperienze popolari, pertanto presentano caratteristiche diverse, provenienti dal luogo in cui nascono. Perciò un personaggio può assumere il ruolo di eroe nelle fiabe europee, mentre in altre culture può averne uno completamente diverso.
Bisogna però distinguere la fiaba e la favola: La fiaba è costituita da un testo in prosa, ha come protagonista di solito l’uomo, nelle cui vicende intervengono spiriti benefici o malefici (demoni, streghe, fate, ecc). Ha un carattere maggiormente fantastico e non ha necessariamente un fine morale e pedagogico. Lo scopo della fiaba è quello di divertire affascinando l’immaginazione di grandi e piccini.

Alberto Manzi: riassunto sullo scrittore della "Terra di mezzo": fra antica e nuova letteratura per l'infanzia

LETTERATURA PER L'INFANZIA: DEFINIZIONE

La favola, invece, ha lo scopo di trasmettere, in forma scherzosa e piacevole, insegnamenti e ammonimenti utili alla vita comune, può esprimere indirettamente i soprusi dei potenti sui più deboli, che chiedono un risarcimento dei torti subiti(in alcune favole, infatti, sotto forma di ironia, il potente soccombe).
L’uso degli animali e il ricorso all’ironia permettevano al narratore di denunciare le ingiustizie e le malvagità dei potenti senza incorrere, almeno così sperava, in qualche punizione.
Inglese
Peter Pan, J. M. Barrie
Peter Pan is a character created by J. M. Barrie. He is a boy who can fly and who never ages and he spends his never-ending childhood adventuring on the small island of Neverland as the leader of his gang,  the Lost Boys, interacting with mermaids, Indians, fairies, pirates, and occasionally ordinary children from the real world.
Last year, Scotland celebrated the 150th anniversary of  James Matthew Barry’s birth: he is considered one of the main exponents of "Kailyard School of Scottish literature". Barrie is famous for his nostalgic and sentimental vision of rural life and he uses irony to attract children and also adults.
Peter Pan appeared in a section of “The Little White Bird”, written in 1902 by Barrie. This new character was successful and Peter Pan debuted 1904 with “Peter Pan, or the Boy who wouldn’t grow up”.
 The play was adapted and expanded and it became a novel, published in 1911 as “Peter and Wendy” (later as “Peter Pan and Wendy”, and still later as “Peter Pan”).
Peter Pan, the immortal boy who doesn’t want to grow up, is the best Barrie’s creation and he becomes even more famous thanks to “Walt Disney”.