Tesina sul tema del viaggio

Appunto inviato da ariannacaprodossi Voto 10

Il tema del viaggio nella letterautra italiana, in astronomia, fisica, latino e storia. Tesina maturità sul viaggio inteso come colonizzazione dello spazio. (22 pagine formato doc)

TESINA SUL TEMA DEL VIAGGIO

‘Siamo tutti migranti…stiamo permanentemente abbandonando una terra per trasferirci altrove…’ Cristina De Caldas Brito
Tesina di Maturità. V^  Liceo Scientifico Istituto Istruzione Superiore “Costanza Varano”
PREMESSA
Il motivo del viaggio
Il “viaggio”, inteso non solo come una scoperta, ma anche come una evoluzione ed un cammino attraverso il quale l’uomo diventa partecipe del tutto,  fondendosi con la realtà che lo circonda, è considerato  fin dall’antichità, uno dei  temi più affascinanti e sorprendenti su cui riflettere.
Per questo motivo che,  dopo aver letto un articolo del settimanale ‘Espresso’ riguardante le nuove frontiere di colonizzazione spaziale  del progetto “Mars One”, incuriosita, ho deciso  di approfondire tale argomento sviluppando la mia tesina  sull’aspetto scientifico delle esplorazioni spaziali che in questo caso, verranno costantemente lette e commentate  alla luce di riflessioni sia in ambito letterario, che storico, in modo da avvalersi di idonei strumenti di comprensione  che possano essere considerati come i fili conduttori dell’intera tematica.
Detto questo,  non mi resta che augurarvi .....................
BUON  VIAGGIO!!!!
Materie trattate: Astronomia, Fisica, Latino, Italiano e  Storia

Tema del viaggio nella letteratura e storia

 

TEMA DEL VIAGGIO NELLA LETTERATURA

Capitolo primo
Introduzione all’argomento
‘Il viaggio nell’antichità: Ulisse come  eroe  e  la  sua  parodia’
ll “viaggio”, interpretato come desiderio di evadere, di conoscere, di sfidare  l'ignoto, quel qualcosa vicino o lontano che ci porta verso la nostra ITACA, la nostra meta, il nostro desiderio. Un cammino che spesso non sappiamo nemmeno di dover intraprendere e che inevitabilmente ci conduce alla conoscenza di noi stessi. A volte, sembra che ciò che viviamo possa apparire come un sogno, o forse sogniamo di fare qualcosa, dubitando e restando delusi dalla stessa realtà che: fuggiamo col nostro viaggio.  In questo caso, il viaggio può essere utile per crearci un mondo dove avventurarci con l’opportunità così, di migliorare noi stessi, e sfidare ciò che non c'è. Ma qual è il motivo che ci porta a non approdare mai, che ci pone sempre davanti ad una sfida, al desiderio di provare, di proseguire, anche se con una forte nostalgia di quelle poche sicurezze che lasciamo? Inutile perciò chiederci chi sia Ulisse o cosa rappresenti l'Odissea, in quanto ognuno di noi è comunque, sempre un eterno viaggiatore ………….

Tema sul viaggio di Ulisse, Dante e Manzoni

 

TEMA SUL VIAGGIO COME METAFORA DELLA VITA

Il  mito  di  Ulisse
L'Odissea di Omero è considerata un poema avventuroso, dove l'eroe  è  uno  solo,  e  non più  in  veste  di  combattente:  egli   si  oppone inerme ai pericoli della via, agli elementi avversi della natura, all'ira implacabile di un nume che lo perseguita; non aspira alla conquista di una città nemica, ove porre il piede da vincitore, ma al ritorno in patria, per riposare il suo piede nella sua isola cara. Il suo eroismo è fatto di fede e di perseveranza, d'amore per la sposa che aspetta, diventando così uno stimolo naturale alla ricerca continua di qualcosa di nuovo, una perenne sfida al confronto. Ma, l'Odissea rivela anche  un'interessante varietà di atteggiamenti nel carattere del viaggiatore Ulisse: la tenacia nel sopportare le avversità naturali, l'astuzia nell'aggirare pericolosi imprevisti, la temerarietà nel varcare la sfera del conoscibile, l'eroismo ed il coraggio fisico, il gusto del rischio e dell'avventura.

Tema sul viaggio

 

TEMA DEL VIAGGIO IN FILOSOFIA

Ulisse nel Mondo classico rappresenta quindi la figura del viaggiatore antico, l'eroe, l'uomo coraggioso, in grado di affrontare spostamenti faticosi e sorprendenti, incontri magici e soprannaturali. Attraverso il viaggio, Ulisse afferma la propria autonomia in opposizione ad ogni disegno, umano o divino, che possa ostacolare la libertà e il desiderio di conoscenza andando incontro all’inconoscibile e al limite umano  (Colonne di Ercole).